slideshow 16 slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4 slideshow 5 slideshow 6 slideshow 7 slideshow 8 slideshow 0 slideshow 9 slideshow 10 slideshow 11 slideshow 12 slideshow 13 slideshow 14 slideshow 15

Genova

Il Museo di Chimica del Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell'Università degli Studi di Genova si trova in viale Benedetto XV, 3 nell'edificio che fu sede dell'Istituto di Chimica Generale dell'Ateneo genovese ed ora ospita la Presidenza della Scuola di Scienze MMFFNN.

Il Museo è allestito in un laboratorio dei primi anni del Novecento completamente originale, il che conferisce un aspetto del tutto particolare, e probabilmente unico, a questo Museo. 

Tutte le informazioni e notizie sul Museo sono riportate nel Sito WEB. Inoltre è qui disponibile una breve presentazione VIDEO del Museo.      

Il Museo espone circa 650 oggetti e strumenti scientifici e di questa collezione fanno parte numerose attrezzature chimiche, impiegate nel campo della ricerca, oppure usate nel corso delle lezioni per esperienze dimostrative. Esse risalgono in parte alla seconda metà del 1800, che vide nascere e prosperare a Genova gli studi universitari in campo chimico, soprattutto per merito di Stanislao Cannizzaro che, presente a Genova dal 1855 al 1861, diede un forte impulso anche all'ammodernamento delle strutture ed all'acquisizione di strumentazioni all'avanguardia per i tempi. La raccolta si è poi arricchita nel tempo anche con apparecchiature di tipo chimico-fisico assai più complesso.

Bilancia di precisione appartenuta a Stanislao Cannizzaro

Nel suo insieme questa collezione testimonia la trasformazione che le scienze chimiche hanno subito negli ultimi due secoli, passando dalle apparecchiature più semplici, ereditate dalla pratica alchemica (storte, mortai, imbuti, fiasche, forni a carbone...), a quelle più propriamente chimiche (apparecchi di Kipp, bilance analitiche), fino agli apparati usati per trattare grandi quantità di minerali, allo scopo di separare e caratterizzare composti di metalli rari come lantanio, cerio ed altri.

 

Copyright © 2012 Società Chimica Italiana. All Rights Reserved.